Matera capitale della cultura 2019

CULTURA – Scelto come set per il remake di “Ben Hur” (sugli schermi nel 2016), il capoluogo lucano accoglie per un mese il regista Timur Bekmambetov e la sua troupe cinematografica. Ci ricade, Matera, nel ruolo di Gerusalemme. Prima del grande kolossal, la città dei Sassi si prestava al gioco per la Passione del Cristo di Gibson ma anche per il capolavoro di Pasolini, il Vangelo secondo Matteo. D’altronde, della Città Santa, Matera riprende un fitto reticolo di vicoli e (soprattutto) la pietra bianca, sfavillante, che ti obbliga a socchiudere gli occhi. Ansiosa di rivalorizzare il suo inglorioso passato, fiera della sua elezione a Capitale della Cultura 2019, la città si è ribattezzata “la più bella delle vergogne”. Rielaborando con estro l’espressione di P.Togliatti che, nel 1948, si scandalizzò delle sue terribili condizioni sanitarie.

Continua a leggere su IOdonna.it.

(Header copyright foto: Veronica Maiella)

 

Advertisements